Alzheimer, due progetti europei di ricerca a Roma

Il workshop “ Alzheimer ’s disease: from RNA research to active therapeutics” è una iniziativa co-organizzata da due progetti europei di ricerca, B-SMART e STARBIOS2 che si terrà a Roma, presso l’Aula Anfiteatro del Policlinico Tor Vergata, il 20 giugno dalle 11.00 alle 14.00.

Il progetto B-SMART è finalizzato a ricercare terapie avanzate per le malattie neurodegenerative basate sull’RNA e su sistemi di trasporto innovativi. I ricercatori hanno identificato con successo una nanoparticella le cui caratteristiche possono essere variate secondo le necessità terapeutiche che adesso sarà testata in preclinica.

Il primo obiettivo cruciale per il progetto B-SMART è stato raggiunto: “la prima nanoparticella si comporta come da attese - ha detto il Prof. Raymond Schiffelers dell’università di Medicina di Utrecht che coordina il progetto -. In leggero anticipo sul programma, siamo confidenti di andare verso la prossima grande sfida di dimostrarne l’attività terapeutica in modelli di Alzheimer nel topo”.

Il progetto STARBIOS2 è coordinato dal Dipartimento di Biologia di Tor Vergata ed è finalizzato a promuovere la RRI - Ricerca e Innovazione Responsabile - nell’ambito di istituti di ricerca nel settore delle bioscienze.

Sulla base dell’esperienza maturata nell’ambito di STARBIOS2 vengono definiti modelli idonei alla promozione della RRI e linee guida per il sostegno al cambiamento strutturale delle organizzazioni di ricerca delle bioscienze. Un primo risultato scientifico di questo cambiamento strutturale nel Dipartimento di Biologia è stata l’identificazione di piccole molecole di RNA (chiamate smallRNA, microRNA) che sono presenti nelle piante edibili e che rappresentano un importante aspetto innovativo della nutrizione, che se ben utilizzate nelle diete, potrebbero essere in grado di prevenire malattie croniche degenerative.

Presente alla giornata è l’industria bio farmaceutica IBI, Istituto Biochimico Italiano G. Lorenzini di Aprilia, Roma, a testimoniare l'interazione tra ricerca di base e ricerca clinica industriale, metodologia scelta dall'Unione Europea.

Le malattie degenerative come l’Alzheimer, infatti, hanno alto impatto sociale, coinvolgono più di 7 milioni di persone in Europa, e la loro soluzione costituisce una grande sfida per i sistemi sanitari europei.

La Commissione Europea sta lanciando un grande “Human Exposome Project” per coinvolgere un centinaio di strutture di ricerca europee in questa sfida.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here