Realtà virtuale: HoloLens al servizio della chirurgia

L’inglese Fundamental VR ha sviluppato un sistema di realtà virtuale basato su HoloLens e destinato agli studenti di medicina che devono fare i loro primi passi in chirurgia.

L’obiettivo è usare la piattaforma VR di Microsoft, accoppiata con un software specifico, per rendere l’esperienza di alcune semplici operazioni senza mettere “a rischio” veri pazienti in sala operatoria.

La soluzione creata dalla software house britannica si basa su HoloLens come elemento di visualizzazione e su uno stilo collegato a un braccio meccanico che ha il ruolo di uno strumento chirurgico, reso attraverso la simulazione.

Il medico vede la zona dove operare usando il visore VR e la resistenza dei vari tessuti viene resa attraverso la vibrazione dello stilo.

Questa concezione ovviamente non permette simulazioni particolarmente articolate ma prevede comunque una certa complessità: una prima applicazione di HoloLens in questo senso è stata la simulazione di una artroscopia.

Più in dettaglio, nella simulazione lo stile faceva le veci di una siringa contenente un anestetico che doveva essere iniettato in zone ben specifiche del ginocchio. La vibrazione simulava la resistenza dei tessuti incontrati dalla siringa virtuale.

Fundamental VR sottolinea che nella creazione della simulazione sono state usate immagini raccolte durante operazioni vere, ma la software house si è basata molto anche sui consigli dei medici che hanno eseguito operazioni simili a quella da simulare.

Questo perché spesso non esiste un unico modo giusto di compiere un certo intervento e la simulazione deve cercare di comprendere tutte le strade possibili.

Tecnicamente, invece, uno dei passi più complessi è stato collegare la reazione tattile dello stilo con i vari livelli di resistenza dei tessuti coinvolti nell’operazione.

Questo è stato possibile solo facendo testare il sistema ai medici, in modo che definissero una corrispondenza tra la sensazione reale di resistenza e i livelli di vibrazione possibili per lo stilo.

La soluzione basata su HoloLens è stata finalizzata da Fundamental VR per un cliente specifico. L’idea è però quella di estenderne le possibilità per proporre il sistema sia come base per l’insegnamento agli studenti, sia come mezzo che chirurghi già esperti possono usare per imparare in maniera sicura nuove procedure. Il prossimo passo è sviluppare una libreria di simulazioni delle procedure chirurgiche più comuni, che potrebbe essere resa accessibile su abbonamento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here