La stampa 3D favorisce il trapianto di costola

Una stampante 3D prodotta dalla società polacca 3DGence, un materiale certificato  buocompatibile dalla FDA (Food and Drug Administration) statunitense, un'equipe medica lungimirante e un paziente consenziente hanno consentito di realizzare in Bulgaria un trapianto di costola.

Lo scorso novembre un team chirurgico del Tokuda Hospital di Sofia ha impiantato su un paziente una costola realizzata con una stampante 3D. Si tratta del primo caso del genere in Bulgaria e uno dei primi al mondo.

Al paziente Ivaylo Josifov, uno sportivo di 35 anni, in seguito a una radiografia dopo una tonsillite è stata riscontrata una deformità progressiva nell'area della quinta costola destra, accompagnata da gonfiore e dolore.

Una malattia congenita che poteva portare a un indebolimento del torace e problemi associati a uno sforzo fisico come difficoltà respiratorie.

Gli studi hanno dimostrato che la soluzione migliore era rimuovere l'osso e sostituirlo con un impianto per limitare l'espandersi della malattia possa espandersi.

I medici hanno optato per la stampa 3D perché garantisce una perfetta rappresentazione della forma originale della costola, sia in termini di spessore che di curvatura.

La compatibilità anatomica assoluta e la precisione dell'impianto erano necessarie, ecco perché la costola poteva essere ricostruita utilizzando la stampa 3D.

Il lavoro sull'impianto della costola è iniziato con una visualizzazione 3D iniziale, l'osso è stato scansionato all'ospedale e la scansione è stata consegnata a 3dbgprint. Questa azienda bulgara aggiustò il modello 3D e lo preparò per la stampa 3D. Era importante che la costola si adattasse anatomicamente alle altre strutture della parete toracica per garantire una corretta ricostruzione.

La costola è stats realizzata con poliammide flessibile e durevole, materiale certificato dalla FDA (Food and Drug Administration) statunitense.

Prima dell'impianto nel corpo umano, sono stati praticati fori da 3 mm nel modello stampato in 3D per facilitare la brocciatura e la proliferazione del tessuto connettivo. Il modello della costola era correttamente sterilizzato in ossido di etilene. Inoltre la stampa è stata anche sterilizzata usando radiazioni gamma e passata in autoclavate a 140° C.

Il chirurgo e il paziente Ivaylo Josifov

Dopo l'operazione il paziente è in perfetta salute e i medici stanno già pianificando nuovi progetti utilizzando impianti stampati in tecnologia 3D. Questa volta hanno intenzione di creare un impianto di 3 costole con uno sterno.

"Questa è una nuova era nella ricostruzione della parete toracica per i pazienti con tumori che richiedono la rimozione delle strutture della cartilagine ossea.Il materiale utilizzato ha dimostrato la compatibilità dei tessuti e l'accuratezza della riproduzione consente resezioni della parete toracica di grandi dimensioni e la loro sostituzione singola con impianti progettati individualmente", ha affermato il professor Minchev, capo del reparto di chirurgia cardiotoracica dell'Ospedale Tokuda di Sofia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here