eHealth, la medicina si affida al mobile

mHealth

Uno strumento eHealth in grado di aumentare il livello della prestazione, il benessere soggettivo degli operatori e quello percepito dei pazienti, per un ritorno economico-gestionale complessivamente favorevole anche per l’azienda”.
Così Maurizio Aricò, Direttore Generale della ASP Ragusa, ha di recente raccontato in un video le motivazioni che, circa un anno e mezzo fa, hanno portato all’adozione nei sei presidi medici della struttura ospedaliera della città siciliana di UpToDate, sistema Web-based di supporto decisionale in campo clinico basato su prove di efficacia.

Già implementato, solo per citare il nostro Paese, presso il 50 per cento delle Facoltà di Medicina e in oltre 150 strutture ospedaliere sparse sul territorio italiano, tra cui il Policlinico Gemelli di Roma, il database digitale ideato nel 1982 da Burton “Bud” Rose, nefrologo e professore alla Scuola di Medicina dell’Università di Harvard, dal 2008 è parte integrante dell’offerta di Wolters Kluwer Health, che la commercializza attraverso la propria forza vendita diretta sotto forma di abbonamento annuale.

UpToDate: che cos’è, come funziona

Come ci spiega Giulia Cucuzza, Regional Enterprise Marketing Manager Southern Europe & MEA, UpToDate Wolters Kluwer: «UpToDate rappresenta una vera e propria risorsa evidence-based a supporto delle decisioni cliniche al letto del paziente di oltre 1,1 milioni di operatori sanitari in 180 Paesi nel mondo. I suoi contenuti redatti interamente in inglese sono curati da un team di oltre 6.300 medici, 50 dei quali italiani, riconosciuti esperti nella propria specialità di riferimento, operanti in ambito accademico e attivi nella pratica ospedaliera».
Partito nel 1986 con 300 topic, che oggi hanno superato quota 10.500 e sono ricercabili per patologie, sintomi, procedure e farmaci anche in altre lingue, incluso l’italiano, UpToDate ha come mission offrire informazioni aggiornate e facilmente consultabili a supporto della professione medica.
Wolters_Kluwer_Cucuzza_Giulia«Il tutto – tiene a precisare Cucuzza – forti di contenuti redatti e sintetizzati, a fronte di un rigoroso processo editoriale, in raccomandazioni terapeutiche affidabili e imparziali qualificate secondo il metodo GRADE – Grading of Recommendations Assessment, Development and Evaluation, nato allo scopo di definire un metodo rigoroso per la produzione di raccomandazioni cliniche».

Non solo.
Con 23 specializzazioni coperte, UpToDate è anche uno strumento di formazione per i medici e il suo riconoscimento, anche in Italia, come risorsa per la formazione continua da parte della Commissione Nazionale Formazione Continua Age.na.s lo rendono particolarmente adatto per consentire ai professionisti del settore l’accesso in qualsiasi momento alle più recenti novità nell’ambito della pratica medica maturando anche crediti ECM, per l’Educazione Continua in Medicina, richiesti dai programmi di aggiornamento obbligatorio.
«Particolarmente utile alla pratica medica – sottolinea ancora Cucuzza – è, poi, la possibilità per chi utilizza UpToDate di collegarsi al database del farmaco Lexicomp, un prodotto sempre firmato Wolters Kluwer, che consente una rapida verifica delle interazioni farmacologiche, e di consultare quasi 30 mila, tra immagini, algoritmi e grafici esportabili in Power Point».

App mobile, i plus della versione Anywhere

In un’ottica di continuo aggiornamento anche dello strumento è, poi, di queste settimane l’annuncio della disponibilità in Italia della versione Anywhere, che già in uso presso il già citato Policlinico Gemelli e la collegata Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica di Roma, rende «a un costo leggermente maggiorato rispetto alla versione Web» UpToDate accessibile anche da due dispositivi smartphone e tablet, sia iOS sia Android, per assicurare massima tempestività d’intervento nella cura del paziente.
Un ulteriore vantaggio della soluzione è, poi, la sua integrabilità con le cartelle cliniche elettroniche per consentire al personale sanitario di eseguire ricerche in UpToDate con un minor numero di passaggi e senza transitare da altre finestre o immettere nuovamente le credenziali di accesso.

«L’utilità dello strumento proposto, ora anche nella versione Anywhere – conclude Cucuzza –, è costantemente monitorata da Wolters Kluwer che, annualmente, invia a tutti gli abbonati al servizio un questionario per verificare il grado di soddisfazione rispetto ad UpToDate».
Tra le evidenze, gli oltre 700 mila medici italiani che, nel 2014, hanno visualizzato in UpToDate oltre 700 mila topic e il giudizio soddisfatto di ben il 99 per cento del campione indagato.

UpToDate
UpToDate
Developer:
Price: Free
UpToDate
UpToDate
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here