Bioprinting sul campo con la stampante 3D per la pelle

I ricercatori dell'Università di Toronto hanno progettato una stampante 3D portatile in grado di applicare strati di pelle direttamente sui pazienti per coprire e guarire le ferite.

L’apparecchio è stato costruito da un team guidato dallo studente di dottorato Navid Hakimi sotto la supervisione di Axel Guenther.

Secondo i ricercatori canadesi la stampante è un'alternativa all'innesto cutaneo convenzionale, ma non richiede che la pelle sana venga rimossa dal donatore e innestata sul paziente.

Il dispositivo si adatta alla mano e stende "bio inchiostro" di tessuto cutaneo direttamente sulle aree colpite. I ricercatori ritengono che sia il primo dispositivo che può formare la pelle direttamente sulla parte superiore di una ferita, in due minuti o meno.

Descritto come un dispenser di nastro bianco, tranne che per il fatto che invece di distribuire nastro depone fogli di tessuto a base di alginato, la macchina prevede che sulla parte inferiore di ogni foglio siano presenti strisce di inchiostro biologico contenenti materiali biologici come cellule della pelle e collagene, che è la proteina più abbondante della pelle, insieme con la fibrina, che è una proteina utile nella guarigione delle ferite.

Con un peso inferiore a un chilogrammo, il dispositivo richiede poco addestramento per l'uso, elimina le fasi di lavaggio e incubazione richieste da alcune bioprinter tradizionali e può coprire una ferita con la pelle in un paio di minuti.

Il dispositivo è già stato testato su ratti e suini. Gli scienziati ora prevedono di espandere la dimensione delle aree coperte dalle ferite e sperano di iniziare finalmente le sperimentazioni cliniche sull'uomo. "La nostra stampante per la pelle promette di adattare i tessuti a pazienti specifici e alle caratteristiche della ferita - afferma Hakimi - ed è davvero portatile".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here