Dematerializzazione: alla sanità serve un sistema di storage digitale

Non si può parlare di digital transformation, ossia di un nuovo modo di gestire attività e informazioni, senza trattare il tema dematerializzazione.

Questo vale ancora di più per il mondo della sanità, che essendo per sua natura un settore ad alta intensità di informazioni, spesso sensibili, si presta bene all’adozione di tecnologie che permettano di gestire queste informazioni con maggiore sicurezza ed efficacia.

Lo pensa Massimiliano Grippaldi, Regional Sales Manager di Pfu Italia, che osserva come da tempo ormai si parli di Cartella Clinica Elettronica, ovvero di un documento digitale che viene creato e archiviato dalla struttura sanitaria che ha in cura un paziente per gestire in modo organizzato tutti i dati relativi alla sua storia clinica e garantire continuità al suo percorso di cura.

Per Grippaldi i vantaggi che questo tipo di documento promette sono evidenti, a livello funzionale, organizzativo ed economico.

La dematerializzazione di una cartella clinica è a tutti gli effetti il processo che produce questa documentazione gestendo le informazioni in maniera nativamente digitale.

Non ci saranno più firme autografe ma firme digitali e firme elettroniche avanzate. A tendere, non ci sarà più un archivio cartaceo ma un archivio digitale conservato a norma.

Questo però per Grippaldi è ancora il futuro. Il presente in cui viviamo è ancora differente, fatto di documenti cartacei e di archivi che vengono gradualmente e faticosamente digitalizzati. Sono molti i progetti virtuosi in atto, nella sanità pubblica e privata, tesi alla dematerializzaziome della documentazione, e successivamente, dei processi.

Non va dimenticato che le informazioni sanitarie sono per loro natura sensibili e vanno quindi trattate con la massima cautela e sicurezza.

Massimiliano Grippaldi, sales manager Pfu Italia

Per Grippaldi ne discende che la dematerializzazione del processo, o meglio dei processi e dei sotto-processi che stanno alla base della produzione delle informazioni contenute nella cartella clinica, deve garantire in ogni momento la massima robustezza e sicurezza.

Il processo si conclude poi con l’inoltro di questi documenti (informatici) al sistema di conservazione che ne assicura validità ed immodificabilità nel tempo.

Da un punto di vista operativo, questo si ripercuote in una semplificazione significativa della gestione documentale, oltre che in una riduzione dei costi, stimata recentemente da Idc nella misura del 30%.

I vantaggi dello storage digitale

Questo rappresenta un valore importante in un ambito come la sanità pubblica sottoposto continuamente a revisioni e tagli di spesa. Ma anche per quelle poche realtà che non devono combattere con limiti di spesa imposti dall’esterno, una superiore efficienza economica, oltre che operativa, rappresenta un elemento importante per il proprio business.

Il vantaggio è anche organizzativo: un sistema di storage del tutto digitale elimina l’esigenza di avere grandi quantità di spazio di archivio e conserva tutti i file al sicuro in un unico posto. Non solo, un’indicizzazione adeguata rende più semplici ed efficaci anche i processi di richiamo e recupero dei singoli documenti, oltre che di correlazione tra essi.

In questo senso per Grippaldi il processo di digitalizzazione riveste un ruolo fondamentale, sia per i dispositivi con i quali viene effettuato che per le applicazioni software che lo gestiscono.

Se da un lato è importante poter disporre di un hardware affidabile e performante, in grado di digitalizzare la documentazione cartacea nei modi, qualitativi e quantitativi, richiesti dal business, dall’altro avere una soluzione software flessibile con opzioni personalizzabili può accelerare sensibilmente il processo, rendendo più semplici tutte le attività successive di analisi e ricerca.

Se questi due aspetti vengono integrati in un unico passaggio, ad esempio con l’utilizzo di uno scanner con funzionalità software avanzate, per etichettatura, inoltro e archiviazione, secondo Grippaldi i vantaggi si riveleranno significativi.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here