Arto amputato, Mectronic propone la Theal therapy

Oltre alla disabilità con cui dovrà convivere ogni giorno, la persona a cui è stato amputato un arto dovrà sopportare il decorso della cicatrice e un dolore al moncone, sottoponendosi a lunghi cicli di riabilitazione.

Si calcola che in Italia ogni anno ci siano circa 15mila nuovi pazienti e secondo l’Istituto Superiore di Sanità per i soggetti anziani oltre i 74 anni sono varie migliaia le amputazioni chirurgiche relative agli arti inferiori dovute a vasculopatie e non a cause traumatiche.

Dopo l’amputazione il paziente ha bisogno di un lungo percorso riabilitativo. Per aiutarlo Mectronic, azienda italiana che opera nel campo dei laser per la riabilitazione, dopo anni di ricerca e innovazione ha messo a punto la Theal Therapy (Temperature controlled High Energy Adjustable multi-mode emission Laser) ovvero la laser terapia a energia modulata e termo controllata, punto di arrivo dopo anni di ricerca, tecnologia e innovazione che ha stabilito un nuovo standard nel settore.

Dottor Roberto Casale, ambulatorio di fibromialgia di Habilita Poliambulatorio San Marco di Bergamo

Il problema del dolore del moncone è particolarmente importante perché vanifica ogni possibile utilizzo della protese anche se fatta ad arte e con una impeccabile riabilitazione – spiega il dottor Roberto Casale, direttore scientifico di Habilita e responsabile dell’ambulatorio di fibromialgia di Habilita Poliambulatorio San Marco di Bergamo –. Il suo controllo è quindi indispensabile per ridare al paziente amputato la migliore qualità di vita possibile. Le lunghezze d’onda e le modalità d’emissione utilizzate nella Theal Therapy sono in grado di agire indipendentemente sia sui processi di guarigione primari e secondari della ferita chirurgica, che sul dolore del moncone”.

Molte di queste amputazioni riguardano gli arti inferiori in particolar modo il piede diabetico: secondo l’Associazione Italiana Podologi infatti, un diabetico su quattro ne soffre.

Anche secondo l’OMS i dati mondiali sono allarmanti: si stima che il numero dei diabetici raddoppierà entro il 2025 raggiungendo quota 300 milioni rispetto ai 120 milioni del 1996 e il 15% dei diabetici riscontrerà un’ulcera che sfocerà, nel 3% dei casi, in un’amputazione sopra la caviglia.

84 pazienti amputati su 100 hanno avuto un peggioramento che è sfociato in un’ulcera del piede che in seguito, si è aggravata sfociando in cancrena ed amputazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here