Home Mercato Zepp Health e le abitudini degli italiani: più sonno e più sport...

Zepp Health e le abitudini degli italiani: più sonno e più sport nel 2021

Zepp Health, marchio noto per la produzione di smartwatch con i suoi brand Zepp e Amazfit, ha recentemente rilasciato il suo 2021 User Health Report, che evidenzia come gli italiani siano riusciti a mantenersi attivi anche durante la pandemia, ritagliandosi del tempo per l’attività fisica e dedicando un buon numero di ore al sonno.

Il rapporto è stato elaborato grazie ai risultati raccolti dai dati di oltre 30 milioni di utenti in tutto il mondo, registrati dai wearable dell’azienda negli ultimi dodici mesi e include informazioni come il numero dei passi, la qualità del sonno, l’IMC, la quantità di esercizio fisico effettuato e il livello di stress. Confrontando i risultati di 5 Paesi quali Stati Uniti, Spagna, Italia, Cina e Russia, sono emersi dei trend generali.

Zepp Health, qualità del sonno e livello di stress: americani stressati e italiani dediti all’attività fisica

Secondo l’analisi di Zepp Health sulla correlazione tra qualità del sonno, livello di stress e IMC, la maggior parte degli utenti che dormono da 7 a 8 ore al giorno sono in condizioni di salute migliori, con livelli di stress inferiori e IMC normale.

La frequenza cardiaca a riposo (RHR) misura i battiti cardiaci al minuto mentre il corpo è a riposo. Il rapporto suggerisce che gli utenti che registrano livelli medi di stress tendono a vedere un aumento della RHR e una diminuzione dei punteggi del sonno. Inoltre, un aumento della RHR aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Queste metriche informano gli utenti sui rischi di salute associati allo stress eccessivo e alla scarsa qualità del sonno. Infatti, rispetto agli utenti italiani che registrano livelli di stress bassi, coloro che hanno dei punteggi medi o alti registrano un aumento del 7% della frequenza cardiaca a riposo, mentre i loro punteggi del sonno sono diminuiti del 3%.

Il rapporto sottolinea anche che gli utenti residenti negli Stati Uniti hanno un alto livello di stress e poco tempo per le attività fisiche, mentre gli utenti italiani ottengono una buona quantità di sonno giornaliero e più tempo da dedicare all’esercizio fisico.

zepp attività fisica

Attività fisica: gli italiani si allenano di più, ma i giovani camminano di meno

Secondo le linee guida della World Health Organization, gli adulti di età compresa tra i 18 e i 64 anni dovrebbero svolgere 150-300 minuti di attività fisica aerobica ad intensità moderata, o 75-150 minuti di attività fisica aerobica ad alta intensità, oppure una combinazione equivalente di entrambi ogni settimana. Secondo il rapporto, il 17,3% degli utenti italiani fa esercizio più di una volta alla settimana, registrando un leggero aumento rispetto al 2020 – una percentuale significativamente più alta rispetto alla Russia, dove solo l’8,3% degli utenti russi fa esercizio più di una volta alla settimana, ma anche rispetto agli altri Paesi presi in considerazione per lo studio.

D’altra parte, si rilevano delle differenze per quel che riguarda la distanza media percorsa: gli utenti dagli Stati Uniti ad esempio camminano in media 3,3 chilometri al giorno. Il numero indica una riduzione del 6% rispetto ai dati raccolti nel 2020. È anche una distanza significativamente più breve rispetto ad altri Paesi come la Spagna, che ha la più lunga distanza giornaliera a piedi di 4,9 chilometri. Un dato curioso però riguarda l’Italia, che non ha registrato alcun cambiamento nonostante i lunghi mesi di lockdown avuti nel 2020. Anche se non si registrano grandi differenze fra il numero di passi compiuti nel 2020 e nel 2021, gli utenti nati dopo il 1970 ottengono un punteggio maggiore (6816 passi al giorno) rispetto agli utenti nati dopo il 2000 (5602 passi al giorno).

Indice di massa corporea: mentre la saturazione dell’ossigeno nel sangue rimane a livelli standard, le preoccupazioni aumentano perché sempre meno gli utenti, soprattutto statunitensi, che soddisfano l’IMC standard

La saturazione di ossigeno nel sangue è un importante indicatore fisiologico della circolazione respiratoria. Una saturazione anormale dell’ossigeno nel sangue può causare danni ad altre parti del corpo come il sistema nervoso centrale, il fegato e i reni, riducendo così significativamente le prestazioni fisiche. Il rapporto 2021 di Zepp Health mostra che più del 98% degli utenti di tutti i Paesi ottiene una saturazione di ossigeno nel sangue normale. Tra i cinque Paesi studiati, la Russia ha evidentemente la percentuale più alta di utenti con una saturazione di ossigeno nel sangue nello standard, mentre la Spagna ha la più bassa. Questo dato è anche correlato alla qualità del sonno: il rapporto indica infatti che gli utenti con saturazione di ossigeno normale tendono a dormire meglio e più a lungo.

 L’indice di massa corporea (IMC) è un indicatore di peso. Secondo il rapporto di Zepp Health, solo il 33,3% degli utenti americani rientra nel range di IMC normale. La Cina, d’altra parte, ha la più alta proporzione di utenti all’interno della gamma IMC standard, seguita a ruota da Italia, Russia e Spagna.

A livello globale, sono più utenti femminili a far parte di un range di IMC normale rispetto alle loro controparti maschili, soprattutto per quanto riguarda le donne italiane, che in Italia registrano il 60,4% di indice di massa corporea, contro il 46,7% degli uomini. Guardando ai diversi gruppi di età, gli utenti nati dopo il 2000 tendono ad avere prestazioni migliori degli altri. Questo dato si evidenzia soprattutto in Italia, con gli utenti più giovani che registrano i livelli di IMC migliori.

Mentre l’emergenza Covid continua a sollecitare una maggiore attenzione alla cura di sé, Zepp Health vuole supportare i suoi utenti con tutti gli strumenti utili a tenere monitorata la propria salute. La visione di Zepp Health è infatti quella di creare prodotti intelligenti che potenziano la vita e lo stile di vita sano. Il report completo è disponibile qui.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php