Home Tecnologie Cinque best practice per ottimizzare le reti nel settore sanitario

Cinque best practice per ottimizzare le reti nel settore sanitario

Il settore sanitario era già in fase di rapido cambiamento prima dell’arrivo della pandemia Covid-19; con l’aumento della digitalizzazione, i sistemi e le reti che mantengono le applicazioni efficienti, si sono trovati a dover soddisfare un forte incremento del traffico di dati.

Con l’avvento della pandemia, i responsabili IT del settore sanitario hanno dovuto affrontare una nuova e importante sfida: aiutare le proprie organizzazioni a gestire il passaggio improvviso dall’assistenza fisica della persona ai sistemi di telemedicina. Il cambiamento è stato talmente significativo che i numeri possono sorprendere: solo nel mese di aprile sono stati assistiti – attraverso i servizi di telemedicina – più pazienti che nel corso dell’intero anno 2019.

Si prevede che questo picco sia, a lungo termine, destinato a salire ulteriormente perché i pazienti stessi, ma anche i fornitori, si stanno abituando ai vantaggi e all’efficienza di questo nuovo tipo di assistenza.

La tecnologia Edge, compresi gli apparati IT all’interno di ospedali e di strutture remote, giocherà un ruolo importante nell’ottimizzazione dell’erogazione di questi servizi di telemedicina, stimolando la possibilità di rinnovare e aggiornare le infrastrutture spesso troppo datate.

Le organizzazioni sanitarie che pianificheranno un aggiornamento delle infrastrutture di alimentazione e raffreddamento che supportano questo tipo di sistemi, dovranno considerare, per i nuovi progetti, tecnologie più efficienti.

Che si stia progettando una struttura per un nuovo edificio o si stia pensando a un aggiornamento tecnologico per prepararsi al meglio ad affrontare la sfida sulla telemedicina, Vertiv indica cinque best practice che possono ottimizzarlo e renderlo affidabile, scalabile e gestibile al meglio.

Cinque best practice per il settore sanitario

Se si parla della realizzazione di una nuova struttura, questo è il momento perfetto per prendere in considerazione un design “standard” che può aiutare a ridurre i costi, semplificarne il funzionamento e la relativa manutenzione. E’ importante da subito, iniziare a classificare i progetti in base alle dimensioni e allo spazio disponibile. Durante la pianificazione, andranno valutati i requisiti di alimentazione e di backup per supportare l’affidabilità, le dimensioni e i tipi di rack necessari, le funzionalità del monitoraggio da remoto e le opzioni di raffreddamento per ottimizzare le condizioni ambientali.

La maggior parte degli apparati di rete hanno uno spazio limitato. Per consentire una manutenzione e una risoluzione dei problemi efficiente, è necessario lavorare in un ambiente ordinato. Bisogna quindi mantenere libera il più possibile l’area dei rack. I cavi di rete, di alimentazione e dei dati dovranno essere ben separati e organizzati. Se i cavi saranno bene in chiaro, sarà più semplice per gli operatori modificare o fare aggiunte ai sistemi di rete.

Il network degli armadi, anche se non sembra, potrebbe diventare una dispendiosa fonte di consumo energetico: nel tempo infatti potrebbero aumentare di numero e di densità incrementando quindi in parallelo anche il bisogno di accrescere la capacità di raffreddamento. Sarà quindi meglio pianificare in anticipo il bisogno di energia, utilizzando un’unità di distribuzione energetica intelligente che consentirà di distribuire e gestire i consumi.

Hardware intelligenti, strumenti di collegamento, software e sensori possono fornire il controllo di centinaia di armadi da una posizione centralizzata. Altrettanto importante e necessario è monitorare, oltre al consumo energetico, anche le variazioni delle condizioni ambientali, tra cui la temperatura e l’umidità, per migliorare i tempi di attività e l’efficienza, riducendo così i costi operativi.

Il settore sanitario è fortemente regolamentato. La protezione della privacy dei pazienti è fondamentale. Se l’accesso non fosse sicuro, potrebbe essere necessario implementarne la protezione a livello di rack, partendo dai semplici lucchetti con chiave per arrivare a lucchetti biometrici. Potrebbe anche essere necessario controllare l’accesso ai cavi di rete. Se l’apparecchiatura di rete si trovasse nell’armadio, sarebbe necessario adottare gli stessi requisiti di accesso e protezione che si applicano al data center o alla sala server.

Queste best practice possono aiutare a progettare o aggiornare gli apparati di rete e possono supportare le organizzazioni sanitarie nel restare al passo con la sempre maggiore richiesta di servizi da erogare attraverso la telemedicina. Molte sono le decisioni da prendere per queste strutture, partendo dalla selezione dell’UPS adeguato fino alla determinazione del miglior approccio da adottare per il monitoraggio da remoto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php