Home Tecnologie Cybersecurity Cybersecurity: approccio risk based nella sanità

Cybersecurity: approccio risk based nella sanità

In occasione di Healthcare Security Summit 2022, svoltosi il 16 giugno, Clusit – Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica – con AIIC, Associazione Italiana degli Ingegneri Clinici, AISIS, Associazione Italiana Sistemi Informativi in Sanità, ANRA, Associazione Nazionale dei Risk Manager e Responsabili Assicurazioni Aziendali, e AUSED, Associazione Utilizzatori Sistemi e tecnologie dell’Informazione, ha chiamato a raccolta medici, risk manager, professionisti It ed esperti cyber con l’obiettivo di dibattere sulle priorità del settore e comprenderne al meglio le necessità, in un momento di elevato rischio cybersecurity nella sanità.

All’evento si è svolta la tavola rotonda “Approccio risk based alla Cybersecurity: se non in sanità… dove?”, a cui hanno partecipato: Giorgio Callea, Corporate Internal Auditor, Gruppo Bracco, Carlo Cosimi, Presidente ANRA, Roberto Goldoni, Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma, Mario Lugli, Azienda Ospedaliero Università di Modena, Comitato ICT AIIC, Andrea Provini, Centro Diagnostico Italiano e Presidente AUSED, Alberto Ronchi, Istituto Auxologico Italiano e Presidente AISIS.

I partecipanti alla tavola rotonda hanno tutti concordato che la disciplina del Risk Management può essere di grande aiuto per la gestione della cybersecurity in sanità e si sono confrontati su quello che il settore deve ancora fare.

Il Risk Management può aiutare a mettere in priorità le cose da fare e quindi permette di allocare le risorse, per definizione, scarse. Due ulteriori elementi sono stati evidenziati da tutti i relatori: il GDPR ha aiutato le aziende a mettere a fuoco il rischio concentrandosi sul paziente e l’importanza della sicurezza della catena di fornitura. Per quest’ultimo, in particolare, è stato affrontato il tema della sicurezza dei medical device.

Alessandro Vallega di Clusit, che ha moderato il dibattito, ha affermato: “I dati del più recente Rapporto Clusit indicano che gli incidenti in ambito healthcare sono in deciso aumento e c’è un grande bisogno di sicurezza in sanità”.

Il Rapporto Clusit 2022 evidenzia infatti che nel 2021 gli attacchi verso il settore healthcare sono stati complessivamente 262 e hanno rappresentato il 13% del totale. Sono stati inoltre in crescita gli attacchi verso l’Europa, dove si sono verificati il 15% degli attacchi a livello globale.

Ha concluso Vallega: “Finché la tecnologia non risolverà il problema al nostro posto, abbiamo bisogno di operare sulla consapevolezza delle persone; Healthcare Security Summit 2022, con le cinque associazioni che vi hanno partecipato, è un ulteriore passo in avanti in questa direzione”.

Leggi tutti i nostri articoli sulla cybersecurity

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php