<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Tecnologie Stampa 3D Additive manufacturing per il settore sanitario, la visione di 3D Systems

Additive manufacturing per il settore sanitario, la visione di 3D Systems

Le organizzazioni hanno continuato a integrare la produzione additiva (PA) nelle loro attività di produzione per mitigare i rischi della catena di fornitura, migliorare la flessibilità di progettazione dei prodotti e ridurre i costi di produzione. Guardando al nuovo anno, si assisterà a uno slancio significativo nell’uso della PA per aumentare la velocità dell’innovazione anche nei settori sanitario e farmaceutico.

Soluzioni sanitarie personalizzate e PA negli ospedali

L’assistenza sanitaria continua ad adottare la PA per fornire soluzioni sanitarie personalizzate a un ritmo moderato, in gran parte a causa della natura altamente regolamentata di questo mercato. I produttori di dispositivi medici leader del settore stanno già creando impianti, strumenti e guide chirurgiche specifiche per il paziente, sia in metallo sia in polimero, personalizzate in base alla forma delle singole ossa.

La medicina personalizzata infatti continua a consentire risultati migliori per i pazienti e un miglioramento economico per i fornitori di cure. Questo porterà ad una più ampia adozione della PA per le applicazioni cranio-maxillo-facciali, nonché all’espansione in ortopedia e radioterapia oncologica e in altre parti dell’anatomia umana. L’adozione sarà ulteriormente accelerata grazie a tempi di esecuzione più rapidi per i casi di pianificazione chirurgica, consentiti dai miglioramenti del software e dalla tecnologia di stampa 3D per gli strumenti e i modelli chirurgici. Inoltre, una forte integrazione di strumenti basati sull’IA al fine di ottimizzare e automatizzare le procedure di pianificazione chirurgica renderà le cose più veloci e facili da usare nel punto di cura, il che a sua volta ne aumenterà l’adozione in questi segmenti di mercato emergenti.

Nel corso del nuovo anno, si prevede che un numero maggiore di ospedali inizierà a portare la PA direttamente nelle proprie strutture per affrontare una serie di applicazioni, tra cui l’ortopedia, l’odontoiatria e la strumentazione chirurgica. La PA presso il punto di cura ha il potenziale di rafforzare le filiere produttive, consentendo agli ospedali di accelerare i tempi di commercializzazione, il che li aiuterà in definitiva a fornire un’assistenza più efficiente ai pazienti.

Oltre alla personalizzazione, i progressi nell’hardware e nel software consentiranno la fattibilità tecnica ed economica della stampa 3D di dispositivi ortopedici più grandi e complessi, utilizzando i materiali preferiti dal settore. L’introduzione di nuovi materiali (ad es. PEEK stampabile in 3D) e piattaforme tecnologiche nuove o migliorate costituiranno un ulteriore catalizzatore per i fornitori di punti di cura per l’implementazione di soluzioni mediche personalizzate in nuove aree. Ciò include i farmaci odontoiatrici in cui l’ulteriore innovazione dei materiali continuerà a migliorare le prestazioni dei restauri permanenti e di altri dispositivi, migliorando al contempo l’economia per laboratori e cliniche.

Biostampa: il futuro del settore farmaceutico

Nel settore farmaceutico c’è stata un’accelerazione delle collaborazioni tra le aziende farmaceutiche e le startup biotecnologiche che offrono alternative per la sperimentazione dei farmaci, con l’obiettivo di apportare sostanziali miglioramenti al ciclo di sviluppo dei farmaci — che può richiedere più di 10 anni. Nel 2023 è probabile che si formino collaborazioni aggiuntive, sfruttando i progressi nella biostampa per creare modelli di organi e malattie basati sull’uomo, che sono più traducibili.

Molte aziende stanno lavorando a soluzioni di biostampa uniche per avere un impatto positivo sul modo in cui vengono sviluppate le terapie e viene fornita l’assistenza ai pazienti. Nel 2023, ci saranno progressi significativi nell’utilizzo di modelli di tessuti umani biostampati per accelerare la scoperta e lo sviluppo di farmaci. Queste innovazioni possono aiutare i ricercatori farmaceutici a ottenere un feedback rapido dagli esperimenti, e i dati generati possono anche essere sfruttati in silico, utilizzando l’apprendimento automatico per accelerare la velocità di scoperta di nuovi farmaci.

La capacità di simulare accuratamente la risposta umana a un farmaco sperimentale in laboratorio, nelle prime fasi del processo di sviluppo, può quindi abbreviare significativamente il processo di immissione sul mercato di un nuovo farmaco e potrebbe eliminare la necessità di sperimentazioni su animali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php