Biocombustibile per i dispositivi indossabili: il sudore

Gli sportivi e gli amanti del fitness portano sempre con sé diversi gadget per quantificare i loro allenamenti, con il problema che questi dispositivi devono sempre essere adeguatamente carichi.

Ora però alcuni ricercatori della University of California hanno sviluppato una cella a biocombustibile che permette di alimentare i dispositivi wearable usando proprio l’attività fisica, o meglio un suo “sottoprodotto” poco gradito: il sudore.

I ricercatori hanno realizzato una piccola cella a biocombustibile che si presenta come un grosso cerotto. In realtà tecnicamente è una E-BFC (Electronic skin-based Biofuel Cell) che contiene una matrice tridimensionale di nanotubi di carbonio che realizza una sequenza di anodi e catodi. Il “cerotto” contiene poi degli enzimi che convertono l’acido lattico del sudore in combustibile per la cella.

I ricercatori spiegano che il nuovo “cerotto” durante l'esercizio genera un voltaggio di mezzo Volt e una potenza di circa un milliWatt.

La densità di potenza complessiva è di circa 1,2 milliWatt per centimetro quadrato, la più alta mai registrata per una cella a biocombustibile. Il cerotto resta applicato alla pelle senza problemi per un paio di giorni e funziona regolarmente anche se viene deformato, come accade normalmente durante l’attività fisica.

La cella a biocombustibile nei test dei ricercatori è stata testata per alimentare dispositivi elettronici convenzionali come una radio Bluetooth o una luce LED. Oltre che per l’utilizzo per così dire ludico, si sottolinea che un sistema come quello studiato è in generale un buon passo avanti nello sviluppo di sistemi per l’energy harvesting che siano flessibili e anche indossabili.

La sperimentazione apre anche il campo alla ideazione di altri wearable flessibili che utilizzino il sudore non (solo) come fonte di alimentazione ma anche a fini diagnostici. L’analisi dei componenti del sudore, anche durante l’esercizio fisico, potrebbe infatti dare indicazioni indirette su altri parametri fisici come lo stato di salute del tessuto muscolare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here