Home Mercato Forrester: i pregi e i limiti dell'healthcare per il 2022

Forrester: i pregi e i limiti dell’healthcare per il 2022

La resilienza del settore healthcare è stata messa alla prova nel 2021. Le prove e le complessità della lotta al Covid-19 hanno dimostrato che la ripresa dalla pandemia è un viaggio, non una destinazione.

Nonostante la diffusione dei vaccini, una serie di ondate di Covid-19 continua ad abbattersi contro un sistema sanitario già invaso dall’incertezza economica, dal burnout dei medici e dalla sofferenza degli ospedali.

Secondo Natalie Schibell, Senior Analyst di Forrester, nel 2022 un’ondata di carenza di forza lavoro si diffonderà in tutto il settore sanitario. L’attivismo No-Vax e la disinformazione si intensificheranno nei prossimi mesi, determinando una diffusa resistenza ai vaccini. Uno spostamento sismico delle modalità di assistenza a distanza come l’assistenza virtuale per la salute comportamentale e l’ospedale a domicilio aiuterà il settore sanitario a superare parte della tempesta.

Le previsioni di Forrester per il settore healthcare nel 2022 

Le disparità di salute danneggeranno gli americani delle zone rurali a un tasso doppio rispetto agli americani delle città.

La spinta per colmare il divario tra le popolazioni svantaggiate e l’accesso alle cure è in corso, ma non sarà sufficiente per raggiungere l’equità sanitaria per tutti. Negli Stati Uniti, cinquantasette milioni di persone nelle comunità rurali e tribali dovranno affrontare un aumento della mortalità a causa di disuguaglianze sociali, molteplici condizioni di salute croniche, alti tassi di suicidio, grave carenza di medici e chiusure radicali degli ospedali. Un fenomeno non troppo dissimile da quello riscontrabile in Italia, in cui è recentissimo l’allarme della Società italiana di chirurgia (Sic) per la drammatica riduzione degli interventi che nelle regioni vanno dal 50 all’80%.

La disinformazione e gli attacchi informatici persisteranno, rendendo la sanità meno autorevole

La diffusione di false informazioni sanitarie, le carenze nell’integrità dei dati e la politicizzazione della scienza scalzeranno l’healthcare dalla sua posizione di industria affidabile. La continua erosione della fiducia nelle istituzioni sanitarie costringerà più cliniche a chiudere e minacciare la salute della popolazione poiché i pazienti tendono a ritenere sempre meno attendibili i pareri medici. La disinformazione ha permeato i social media e persino le piattaforme create per i medici. Raddrizzare la nave nel 2022 richiederà un approccio pratico, compreso il coordinamento tra coloro che lavorano nella ricerca e nella pratica della salute pubblica, nelle politiche pubbliche e nella sicurezza informatica.

Forrester Natalie Schibell
Natalie Schibell

Il numero di ospedali che forniscono cure domiciliari triplicherà.

Le lezioni apprese dalle strutture ospedaliere hanno contribuito a comprendere la necessità di stabilire un metodo per fornire cure a domicilio.
Nel suo primo anno di attuazione, il modello ospedale a domicilio si è rivelato una soluzione praticabile per gestire un afflusso insormontabile di pazienti, la diffusione di malattie infettive e la sicurezza del personale e dei pazienti.
I servizi ospedalieri a domicilio hanno ottenuto il maggiore slancio nel 2021. Forrester prevede che questa tendenza healthcare si rafforzerà nel 2022. Gli investimenti nelle aziende sanitarie che costruiscono programmi di ospedalizzazione a domicilio saranno sostenuti da solidi sforzi di marketing.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php