Home Tecnologie Infrastruttura iperconvergente per il Gruppo Policlinico di Monza

Infrastruttura iperconvergente per il Gruppo Policlinico di Monza

Nutanix ha annunciato che il Gruppo Policlinico di Monza ha scelto la propria tecnologia iperconvergente per creare un’infrastruttura a prova di futuro.

Il Gruppo Policlinico di Monza si è trovato di fronte all’esigenza di far crescere l’infrastruttura IT di alcuni CED delle strutture di gruppo, indirizzando allo stesso tempo i requisiti di sicurezza, affidabilità e disaster recovery in ottica GDPR. Per far fronte a tali necessità era dunque necessaria una nuova soluzione iperconvergente che fosse affidabile, flessibile e sicura.

Dopo un’analisi approfondita delle opzioni disponibili sul mercato, Gruppo Policlinico di Monza non ha avuto dubbi e ha scelto la soluzione Nutanix, grazie all’innovazione, alla semplicità e alla flessibilità fornite.

L’infrastruttura Nutanix è controllata centralmente grazie al software Prism Central a cui sono connessi i dodici cluster basati su hardware NX: otto cluster di produzione da tre nodi e quattro cluster dedicati al disaster recovery (da tre e quattro nodi). Ogni sede ha nel proprio data center un cluster che viene replicato a intervalli specifici nel sito di disaster recovery mediante rete MPLS.

A oggi l’infrastruttura è mista, e prevede l’utilizzo di hypervisor VMware e AHV. La soluzione tecnica è stata progettata e implementata da IT Impresa, azienda italiana certificata Nutanix con sedi a Cremona, Monza, Fidenza e Torino.

I benefici della nuova implementazione non si sono fatti attendere. Sin da subito la soluzione iperconvergente di Nutanix ha portato a un notevole incremento della sicurezza dei dati grazie allo storage distribuito che garantisce la ridondanza e alla possibilità di effettuare snapshot a livello di storage a intervalli di pochi minuti. Grazie all’implementazione dei siti di disaster recovery i tempi di RPO (Recovery Point Objective) e RTO (Recovery Time Objective) sono diminuiti dell’80% in media, mentre le prestazioni delle VM ospitate sono incrementate mediamente del 40%, con tempi di backup dimezzati.

Inoltre, con Nutanix, si è ulteriormente semplificata l’attività di manutenzione, aggiornamento e troubleshooting, il tutto tramite l’interfaccia di management unificata che comprende tutti i cluster del gruppo. La soluzione iperconvergente Nutanix ha permesso di ridurre di circa il 60% lo spazio occupato nei data center,  avendo eliminato SAN e server Blade. Infine,  grazie  all’infrastruttura Nutanix durante il periodo Covid-19 il gruppo Policlinico è riuscito a migliorare l’efficienza delle attività dei propri collaboratori in smart working.

La scelta di Gruppo Policlinico di Monza si è dunque rivelata vincente tanto che vi è l’intenzione di migrare a breve tutte le installazioni verso l’hypervisor proprietario AHV.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php