Home Tecnologie Intelligenza artificiale Cancro al seno, il ruolo dell'intelligenza artificiale

Cancro al seno, il ruolo dell’intelligenza artificiale

Negli anni ’70, una donna con una diagnosi di cancro al seno aveva circa il 40% di possibilità di sopravvivere per i successivi 10 anni. Oggi questa probabilità è quasi raddoppiata, grazie a nuovi farmaci, metodi di screening all’avanguardia e interventi chirurgici più sottili ed efficaci.

Fondamentale per questa trasformazione è stata l’enfasi sulla diagnosi precoce. Prima viene individuato il cancro al seno, più è facile da trattare. L’intelligenza artificiale sta giocando un ruolo sempre più critico nell’identificazione del cancro al seno. Quest’anno, secondo quanto riportato su Techcrunch dal Dott. Thomas Clozel, co-fondatore e CEO di Owkin, il National Health Service britannico ha annunciato uno studio su come l’intelligenza artificiale potrebbe eseguire lo screening per il cancro al seno.
Pur essendo destinato ad affiancare, non a sostituire, i medici umani, ciò aiuterebbe a mitigare la carenza di tecnici di radiologia.

Intelligenza artificiale e cancro al seno, le startup guidano lo sviluppo

Anche le startup utilizzano l’intelligenza artificiale per affrontare questa carenza. La britannica Kheiron Medical Technologies prevede di utilizzare l’intelligenza artificiale per lo screening di mezzo milione di donne per il cancro al seno. La Blue Box spagnola sta sviluppando un dispositivo in grado di rilevare il cancro al seno da campioni di urina. Infine, Clozel ha citato l’indiana Niramai che sta lavorando a uno strumento a basso costo che potrebbe aiutare a selezionare un gran numero di donne nelle aree rurali e semiurbane.

Ma altrettanto cruciale per migliorare i risultati è identificare i pazienti ad alto rischio di recidiva. Circa un malato di cancro al seno su 10 ricadrà dopo il trattamento iniziale, diminuendo le sue possibilità di sopravvivenza.

Identificarli precocemente è stato storicamente difficile. Clozel ha affermato che il suo team ha sviluppato uno strumento di intelligenza artificiale in grado di individuare 8 pazienti su 10 ad alto rischio di recidiva.
Questa tecnologia aiuta a fornire ai pazienti il ​​trattamento di cui hanno bisogno in anticipo, risparmiando anche ai pazienti a basso rischio da frequenti e inquietanti controlli. Nel frattempo, prosegue il medico, le aziende farmaceutiche accelerano gli studi sui farmaci per il cancro al seno reclutando più rapidamente pazienti ad alto rischio.

Il complesso equilibrio fra privacy e accesso ai dati per la ricerca

La privacy dei dati dei pazienti può essere un comprensibile ostacolo alla ricerca rapida. Gli ospedali sono cauti nell’inviare i dati fuori sede e nessuna azienda farmaceutica desidera condividere dati preziosi con i concorrenti.

Tuttavia, l’intelligenza artificiale sta aiutando a risolvere questi problemi, consentendo lo sviluppo più rapido, sicuro ed economico di nuovi trattamenti.

L’apprendimento federato è una nuova forma di intelligenza artificiale addestrata sui dati provenienti da più istituzioni senza che i dati lascino gli ospedali. Viene utilizzata in tutta Europa per dare ai ricercatori l’accesso a dati essenziali, ma in precedenza inaccessibili.

«Useremo anche l’intelligenza artificiale per approfondire la nostra comprensione del perché le forme più aggressive di cancro al seno sono resistenti a determinati farmaci, aiutandoci a sviluppare nuovi farmaci su misura che discriminano tra cellule sane e tumorali meglio della chemioterapia.» ha affermato Thomas Clozel.

Se è certa l’influenza positiva dell’intelligenza artificiale, altrettanto importante per migliorare i risultati è il riconoscimento che l’assistenza sanitaria è compito sopratutto umano.
Clozel ritiene (con buona dose di ragione) che nessun algoritmo potrebbe mai confortare un paziente nei suoi momenti più duri.
Al tempo stesso, nessuna tecnologia potrebbe mai infondere e ispirare la resilienza di cui ogni paziente ha bisogno per sconfiggere la propria malattia.

Anche per questa ragione, l’intelligenza artificiale viene sviluppata per aiutare i medici, certo non per sostituirli nel loro difficile ruolo.

Il cancro al seno non è più qualcosa da nascondere, per i milioni di persone a cui viene diagnosticato ogni anno.

Conclude Clozel: «potremmo non sradicare mai completamente il cancro al seno. Ma con l’intelligenza artificiale che aiuta a diagnosticare la malattia in anticipo e consente il rapido sviluppo di trattamenti, è possibile che tra qualche decennio non avremo più bisogno di un mese di sensibilizzazione sul cancro al seno.»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php