Home Tecnologie Lotta al Covid-19 con la sanificazione dell’aria in ambienti comuni

Lotta al Covid-19 con la sanificazione dell’aria in ambienti comuni

È risaputo che gli aerosol sono la causa principale della propagazione del Covid-19, pertanto Durst ha progettato un sistema di sanificazione dell’aria che riduce la carica virale negli ambienti interni utilizzando lampade UV.

Si tratta di Durst Habitat , sistema di sanificazione che punta a rendere più sicura la permanenza di persone in ambienti come uffici, scuole, ristoranti, bar, negozi, banche, ma anche abitazioni private.

Sviluppato nei laboratori della società altoatesina e testato da istituti europei indipendenti e accreditati, Durst Habitat attua la sanificzine dei ambienti da virus e batter combinando in un sistema lo scambio dell’aria e l’irradiazione di raggi UV privi di ozono nocivo per la persona, riducendo gli aerosol infettivi.

Di fatto l’aria viene convogliata in un sistema chiuso dove viene filtrata attraverso una membrana antivirale e irradiata con raggi UV per poi essere rilasciata nella stanza così sanificata.

Per farlo il sistema di sanificazione Durst Habitat è dotato di 4 lampade UV-C ad alte prestazioni per un totale di 96 watt.

Grazie a simulazioni di flusso i canali sono stati ottimizzati per irradiare l’aria da sanificare con luce UV-C fino a 2 secondi.

Durst fa sapere che i test di efficacia eseguiti da un istituto indipendente, confermano una decontaminazione superiore al 99% dell’aria dopo solo 30 minuti.

L’area di sanificazione di Durst Habitat raggiunge i 4 × 4 × 2,5 metri.

Durst sottolinea che non è possibile fornire dichiarazioni specifiche sull’efficacia del sistema in termini di volume o di metri quadrati.

Questo perché i risultati possono essere influenzati da fattori quali la temperatura interna, i flussi d’aria nella stanza, l’altezza del soffitto, il numero di persone presenti.

A titolo indicativo sull’efficacia del sistema, Durst fornisce un esempio: 4 persone siedono a un tavolo e sono circondate da un volume d’aria di 8 m³. Ogni soggetto inspira ed espira circa 0,5 m³ d’aria all’ora, per un totale di 2 m³. Durst Habitat sanifica 12,5 volte questo volume (circa 25 m³ in 15 minuti) e 50 volte il volume respiratorio di 4 persone (circa 100 m³ in un’ora).  Se Durst Habitat venisse posto in una stanza più grande, si verificherebbe una costante miscelazione dell’aria attorno al sistema di sanificazione, il che significa che il rilascio permanente di aria purificata sarebbe in grado di ridurre la carica virale anche al di fuori della zona centrale.

Durst Habitat può essere personalizzato per integrarsi esteticamente adattandosi a qualsiasi ambiente: il rivestimento in tessuto antivirale, lavabile fino a 30 volte, può essere personalizzato e può essere stampato direttamente da Durst con la grafica scelta. La sostituzione del tessuto è semplice e può essere effettuata in pochi minuti

Il sistema Durst Habitat è stato testato presso HygGen Germany, laboratorio per tecnologia medica e disinfettanti che ha confermato le misurazioni effettuate nei laboratori Durst e l’efficacia dell’intero sistema superiore al 99%. I moduli UV-C utilizzati in Durst Habitat sono sviluppati per applicazioni mediche e garantiscono un’efficacia pari al 99,998%.

Le lampade UV-C hanno una durata di circa 9.000 ore e possono essere sostituite in modo rapido e sicuro con l’aiuto delle istruzioni d’uso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php