Procurement della sanità: si innova condividendo buone pratiche

A Milano, nell’incontro “Valore strategico del procurement per l’innovazione in Sanità”, promosso da GE Healthcare e patrocinato da Regione Lombardia si è discusso di condivisione di buone pratiche per favorire l’introduzione di nuove tecnologie in grado di migliorare le cure per i pazienti e rendere più sostenibili i costi del Sistema sanitario.

Tra i partecipanti, l’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, i vertici regionali di ARCA, della Guardia di finanza e del Tribunale per i diritti del malato, il procuratore capo della Corte dei Conti del Piemonte Giancarlo Astegiano, il Prorettore dell’Università di Pavia Pietro Previtali e l’Amministratore delegato di GE Healthcare Italia, Antonio Spera.

Per Gallera, come riporta una nota, il tema del procuirement in sanità si basa sull’equilibrio fra due esigenze: "razionalizzazione della spesa pubblica e necessità di fornire le migliori e più innovative cure al paziente legate ad un percorso personalizzato di presa in carico".

Gallera ricorda come Regione Lombardia "ha sviluppato un modello a rete con la Centrale d’acquisto e un secondo livello di aggregazione territoriale. Il peso di tali acquisti negli anni è stato sempre più crescente arrivando a fine 2018 a circa il 70% per le categorie merceologiche più rilevanti: farmaci, dispositivi medici, servizi non sanitari, apparecchiature biomedicali. I risparmi ottenuti permettono di liberare ulteriori risorse che vengono destinate a migliorare l’efficienza dei servizi e l’efficacia delle cure”.

Il tavolo di lavoro dell'incontro è stato impostato come una piattaforma collaborativa di condivisione delle migliori pratiche e di generazione di idee in merito alla modernizzazione, l’innovazione e la semplificazione della pubblica amministrazione e al valore strategico dell’innovazione in sanità, con attenzione alla diffusione delle esperienze e metodologie necessarie per promuovere modelli più efficaci per il procurement di tecnologie medicali in grado di migliorare le cure dei pazienti e rendere più sostenibili i costi sanitari.

Antonio Spera, amministratore delegato di GE Healthcare

Per Antonio Spera, amministratore delegato di GE Healthcare, in Italia, il tema dell’obsolescenza del parco tecnologico non solo è reale, ma si è fortemente acuito negli ultimi anni, "tanto che si stima riguardi il 25% delle apparecchiature, con un’età media del parco di diagnostica superiore ai 7 anni”.

Per contrastare questo fenomeno e contribuire a strategie per ridurre i costi delle infrastrutture ospedaliere e migliorarne l’efficienza, per Spera è sono fondamentale avere soluzioni condivise.

«Siamo convinti - dice l'ad di GE Healthcare - che un concreto processo di innovazione della Sanità sia il risultato della collaborazione fra i vari attori del Sistema Sanitario Nazionale, e non solo: in un momento di grande dibattito e focus sugli ospedali del futuro”e sul rapporto con la territorialità, è necessario un ripensamento dei flussi organizzativi e d’informazione, insieme ad una accelerazione della cultura digitale e dell’acquisizione di best practice già presenti in altre parti del mondo".

Come si rinnova il parco tecnologico contenendo allo stesso tempo i costi? "Da un lato migliorando nell’analisi del fabbisogno grazie a un’interazione sinergica tra Regioni-centrali d’acquisto e aziende sanitarie-clinici, dall’altro utilizzando strumenti di partenariato pubblico-privato, attivando anche canali di comunicazione e di confronto diretti nel rispetto delle leggi e dei ruoli".

Non ultimo, conclude Spera nella nota, "è fondamentale entrare in un’ottica di fornitura di servizio, più che di prodotto, monitorando efficacemente la qualità delle prestazioni erogate”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here