Home La produzione di defibrillatori e monitor con la stampa 3D

La produzione di defibrillatori e monitor con la stampa 3D

Il produttore polacco di apparecchiature mediche elettroniche Emtel testimonia come si può utilizzare la stampa 3D per la prototipazione e per la produzione di parti di defibrillatori e monitor per trattare i pazienti.

E lo fa con l’ottica di ridurre i costi di produzione costi risparmiare tempo.

La stampa 3D, infatti, sta diventando sempre più popolare nella produzione di dispositivi medici. Funziona principalmente nella prototipazione e nella produzione di piccole serie di vari elementi.

Le aziende che producono attrezzature mediche, infatti, si concentrano spesso sulla produzione a basso volume.

La continuità del lavoro, in questo caso, dipende dai fornitori esterni e dal prezzo che propongono, che di solito è maggiore quando è coinvolta la produzione unitaria.

 

Emtel è un produttore di apparecchiature mediche elettroniche progettate per monitorare i parametri biologici del paziente e per la rianimazione. I suoi monitor cardiaci e defibrillatori vengono utilizzati in Polonia, Europa, Asia, Sud America e Australia.

D’altra parte, la competitività dei produttori di dispositivi medici è determinata dal miglioramento continuo dei dispositivi stessi, che devono essere connessi con la struttura che li ospita.

Una soluzione ottimale per chie desidera evitare costi elevati e tempi di inattività e preparare nuove versioni dei propri dispositivi è l’utilizzo tecnologia di stampa 3D.

Emtel ha implementato la stampa 3D sia nel processo di prototipazione che nella produzione di elementi di dispositivi pronti a essere utilizzati.

Nel caso della prototipazione la tecnologia fornita 3D Gence aiuta l’azienda a costruire modelli di custodie per monitor cardiaco.

Anche i defibrillatori prodotti da Emtel sono così dotati di parti stampate in 3D.

In questo modo l’azienda ha ottenuto una decurtazione dei costi e una riduzione della produzione di involucri da 30 a 5 giorni.

A sinistra un modello stampato in 3D, a destra uno creato con tecnica di stampaggio tradizionale

L’introduzione della tecnologia additiva per la produzione di dispositivi medici ha permesso a Emtel di decidere il tempo e il numero di dettagli stampati e il loro costo è stato ridotto da tre a cinque volte.

I rappresentanti della società polacca sottolineano che ogni decisione di introdurre dispositivi di stampa nella produzione è preceduta da analisi dei rischi e test che confermano la correttezza dell’applicazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

01health Steering Committee: sanità e ICT si incontrano e si confrontano

01health, piattaforma di comunicazione integrata del Gruppo Tecniche Nuove, è veicolo formativo e informativo della sanità digitale italiana e catalizzatore di un processo di diffusione di competenze e best practice del comparto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php